INFORMAZIONI, REGOLE E INDICAZIONI UTILI PER LA DISCUSSIONE DELLA PROVA FINALE E DELLA TESI DI LAUREA

                                                                          ATTENZIONE!
Sono intercorsi cambiamenti nella modulistica per la discussione della prova finale/tesi; gli studenti sono invitati a leggere con particolare attenzione i paragrafi relativi.



Lauree di primo livello

CARATTERISTICHE DELLA PROVA FINALE DI LAUREA

La prova finale di laurea, che conclude l’iter di studio di primo livello, consiste in un esame orale avente come oggetto la tematica scientifica proposta dallo studente con un elaborato scritto. Tale elaborato può essere il resoconto di un semplice studio empirico condotto dal candidato, una circoscritta ricerca bibliografica o una sintesi critica di articoli scientifici su un definito argomento. La quantità di lavoro richiesta allo studente è commisurata al numero di cfu previsti per la prova finale dal suo corso di laurea (4, 6 o più cfu), considerando che ogni cfu corrisponde mediamente a 25 ore di lavoro dello studente.

NB La prova finale non consiste nella preparazione e discussione di una tesi di laurea relativamente corposa, che è prerogativa della laurea magistrale. La prova finale rappresenta il compimento del percorso formativo triennale e deve poter essere svolta e completata senza rallentare impropriamente il corso degli studi e il proseguimento dei meritevoli nei corsi di laurea magistrale.

Indipendentemente dalla quantità di lavoro effettuato, l’elaborato deve avere le dimensioni di un articolo, non di un volume. Per una prova finale da 4 cfu si raccomanda la lunghezza complessiva di 25 cartelle di 2000 battute ciascuna (50.000 caratteri, spazi inclusi). L’elaborato deve essere interamente originale, ossia redatto dallo studente con parole proprie e parsimoniose citazioni testuali (tra virgolette e con preciso riferimento alla pagina citata); può riguardare qualunque area disciplinare, psicologica o non psicologica, inclusa nel curricolo di laurea dello studente e deve essere il più possibile congruente con tale curricolo. L’elaborato deve risultare coerente con le conoscenze scientifiche attuali sull’argomento trattato e includere fonti aggiornate, con particolare riferimento alla letteratura internazionale.

RUOLO DEL SUPERVISORE DI PROVA FINALE

Ogni studente deve essere supervisionato da un docente nella preparazione dell’elaborato. Il docente supervisore: (a) fissa l’argomento e il tipo di lavoro, tenendo conto delle capacità dello studente; (b) aiuta il laureando a impostare il lavoro all'inizio; (c) controlla la stesura finale, anche al fine di evitare plagi e copiature (ferma restando la responsabilità dello studente riguardo al proprio lavoro). La supervisione può anche avvenire in piccoli gruppi – fatto salvo il carattere individuale della stesura di ciascun elaborato.

Il supervisore garantisce allo studente un minimo di 4 incontri di supervisione, finalizzati a:
- conoscere lo studente, il suo curricolo e le sue possibilità di impegno; individuare il tema e fornire le istruzioni per l’avvio del lavoro;
- supervisionare un primo stato di avanzamento (ad es. per un lavoro empirico dopo la raccolta dei dati, oppure dopo la codifica dei dati; per una ricerca bibliografica, dopo il reperimento di un certo numero di articoli; per una sintesi critica di materiali proposti dal docente, dopo la lettura e traduzione del materiale);
- supervisionare un secondo stato di avanzamento (ad es. per un lavoro empirico dopo l’elaborazione statistica dei dati; per una ricerca bibliografica, dopo la lettura degli articoli e una proposta di sintesi; per una sintesi critica, dopo la stesura di un indice ragionato);
- valutare il testo completo e comunicare il giudizio allo studente, in termini qualitativi: insufficiente, appena sufficiente, discreto/più che sufficiente, buono, ottimo.

Le scadenze per ciascuna fase sono fissate dal supervisore, sentito lo studente.

Il supervisore può respingere in qualunque momento, chiedendone la cancellazione dalla banca prove finali, lo studente che gli sottoponga materiali anche solo in parte copiati, da qualunque fonte.

Lo studente che non si avvale delle opportunità di supervisione previste può sostenere l’esame di laurea, purché consegni al suo supervisore l’elaborato finito al più tardi 14 giorni prima della data di inizio della sessione di laurea; ovviamente in questo caso lo studente rinuncia a una valutazione anticipata del proprio lavoro da parte del supervisore, e può essere promosso o respinto all’esame di laurea, in relazione sia al giudizio sull’elaborato (espresso in sede di laurea dal supervisore), sia alla prestazione orale. Il mancato rispetto del termine sopra indicato comporta la non ammissione all’esame di laurea.

ASSEGNAZIONE DEL SUPERVISORE DI PROVA FINALE

Ai fini dell’assegnazione del supervisore, lo studente deve fare richiesta per via telematica (vedi sotto) indicando tre diversi nominativi entro l’elenco dei docenti cui spetta il compito di supervisori per il suo corso di studi. Gli elenchi dei possibili supervisori, pubblicati all’inizio dell’anno accademico, separatamente per ciascun corso di studi, e aggiornati se necessario nel corso dell’anno. Per le prove finali non è consentito di avvalersi di un supervisore esterno appartenente ad altra Facoltà o ad altri Atenei, a meno che non sia un titolare di affidamento nel corso di laurea di appartenenza dello studente e pertanto già presente nell’elenco dei docenti disponibili.

La richiesta di assegnazione deve essere fatta non appena conseguito il numero di CFU previsto (in genere 110-140 cfu) in una delle seguenti scadenze: - dopo il terzo appello estivo: scadenza di presentazione delle domande il 20 ottobre
- dopo l’appello invernale: scadenza di presentazione delle domande il 20 febbraio
- dopo l’appello di primavera. scadenza presentazione delle domande il 19 maggio

Scaduto il termine di invio, le richieste degli studenti sono esaminate in modo da (a) massimizzare la corrispondenza tra nominativi indicati e assegnazioni; (b) rispettare un’equa distribuzione dei carichi di lavoro dei docenti, avvalendosi anche di uno strumento della telematico che aggiorna il carico di supervisioni e di tesi prese in carico da ciascuno (Il carico complessivo viene espresso in equivalenti di Tesi, attribuendo a ciascuna tesi un peso unitario e a ciascuna prova finale il peso di 0,25.). Qualora la richiesta di uno studente non possa essere accolta, perché per tutti e tre i docenti indicati è ormai saturo il carico di studenti supervisionabili, lo studente sarà comunque affidato a un supervisore, individuato tra i docenti con competenze affini a uno di quelli indicati dallo studente.

In pratica, la procedura è la seguente:
- lo studente si registra nella Banca Dati studenti sul sito web della Facoltà, utilizzando – per ragioni di certificazione – la propria email istituzionale (p.es.…@studenti.uniroma1.it), e vi inserisce i dati richiesti dal sistema;
- una volta registrato, entrando nella sezione “Tesi di laurea>Richiesta supervisore” accessibile dalla propria area riservata, lo studente accede alla richiesta del supervisione;
- tra i docenti elencati nella Banca Dati come disponibili per il suo corso di laurea (nel menù a tendina compariranno solo quelli disponibili per lo studente), lo studente indica i tre docenti da cui preferirebbe esser supervisionato, basandosi anche sulle informazioni reperibili nelle pagine personali dei docenti, che dovranno provvedere al loro aggiornamento;

NB: le preferenze indicate dovranno intendersi come equivalenti, non essendo possibile per chi assegnerà le supervisioni rispettare un ordine di priorità tra i nominativi.

- lo studente inoltra la richiesta;
- una volta effettuata l’assegnazione, la segreteria didattica informa lo studente e il docente per via informatica.

Lo studente deve contattare il supervisore assegnato entro i termini indicati dalla procedura telematica, e concordare tema, modalità e tempi di lavoro. Dopo questo contatto, preferibilmente faccia a faccia, il docente conferma per via telematica l'assegnazione della prova finale, accedendo alla propria area riservata nel sito.

Qualora lo studente non contatti il supervisore e non ne ottenga la conferma entro i termini previsti, la richiesta di assegnazione verrà annullata d’ufficio e lo studente dovrà ripetere la procedura per ottenere l'assegnazione di un nuovo supervisore nella scadenza successiva.

Solo per giustificati ed eccezionali motivi lo studente può chiedere al presidente del corso di studi una diversa assegnazione nella stessa scadenza, o di annullare una assegnazione già avvenuta.

L’elaborato finale deve essere ultimato entro 12 mesi dall'assegnazione, prorogabili solo in casi eccezionali dal supervisore. Di norma, se lo studente non completa l’elaborato nei tempi previsti, l'assegnazione è annullata e lo studente è tenuto a richiedere una nuova assegnazione.

DOMANDA PER LA DISCUSSIONE DELLA PROVA FINALE

La discussione della prova finale per gli studenti in corso avviene in due sessioni: estiva (luglio) e autunnale (settembre), in modo da consentire a chi si laurea in corso di accedere alle prove di ammissione ai corsi di laurea di II livello; è altresì prevista una sessione primaverile (marzo) per gli studenti fuori corso, che potranno pagare solo la prima rata delle tasse per l’anno accademico già iniziato.

Lo studente può chiedere di discutere la prova finale quando ha superato tutti gli esami (obbligatori e a scelta) del proprio corso di studi. In particolare, si fa presente che:
1. per laurearsi a luglio gli esami devono essere conclusi entro il primo appello estivo (fine maggio – primi di giugno);
2. per laurearsi a settembre gli esami devono essere conclusi entro il secondo appello estivo (luglio).
3. per laurearsi a marzo gli esami devono essere conclusi entro l’appello invernale (dicembre – gennaio).

Anticipo della prova finale. Ai sensi della delibera del Senato Accademico del 22 novembre 2005, gli studenti possono laurearsi con l’anticipo di una sessione, a condizione che abbiano ottenuto espressa autorizzazione all’anticipo dei singoli esami dal Presidente del corso di studio e della prova finale dal Consiglio di facoltà. Inoltre, ai sensi della delibera del Senato Accademico del 15 dicembre 2009, gli studenti particolarmente meritevoli, che hanno ottenuto dalla Facoltà l’autorizzazione all’anticipo di esami di profitto e che hanno sostenuto gli stessi con una votazione media pari a 29/30, possono sostenere l’esame finale di laurea con un anno di anticipo. Il facsimile per l’istanza di richiesta di anticipo della laurea è disponibile nella sezione Modulistica.

Si noti che la domanda di discussione della prova finale non è più subordinata alla dichiarazione di “fine lavori” o al giudizio del supervisore sull’idoneità dell’elaborato scritto, la cui qualità rimane di esclusiva responsabilità dello studente (si veda quanto specificato nel paragrafo “Ruolo del supervisore di prova finale”). Sarà comunque necessario far firmare al docente supervisore il modulo Dichiarazione del Docente Relatore Prova Finale e il modulo Dichiarazione contenuto CD che dovranno essere consegnati unitamente al Cd in seduta di laurea e non allegati alla documentazione da consegnare in segreteria.

Per avviare la procedura lo studente deve accedere telematicamente alla propria area personale del sito della Facoltà, entro il termine specificato nella sezione “Scadenze”, e

1. inserire il titolo definitivo dell’elaborato della prova finale concordato con il supervisore;
2. dichiarare sotto propria responsabilità di aver concluso tutti gli esami (Solo per la sessione di luglio, visti i pochi giorni a disposizione, lo studente potrà dichiarare – ovviamente solo se necessario – di essere in attesa dei risultati delle ultime prove sostenute nell’appello di maggio-giugno.);
3. dichiarare di poter sostenere l’esame di prova finale in virtù di una delle seguenti condizioni
- aver già ricevuto dal supervisore la valutazione dell’elaborato, oppure
- aver consegnato al supervisore l’elaborato in forma definitiva e di essere in attesa della valutazione, oppure
- impegnarsi a consegnare al supervisore l’elaborato finito, nella forma richiesta dal docente (cartacea o file), non meno di 14 giorni prima dell’inizio della sessione di laurea.

Alla conclusione della suddetta procedure sarà possibile stampare il modulo 6322/web da allegare alla restante documentazione scaricabile invece in qualunque momento.

In conclusione, il laureando dovrà consegnare alla Segreteria Studenti in Via dello Scalo San Lorenzo 61/A, nelle date stabilite per ogni sessione di laurea, la seguente documentazione:

- domanda di laurea redatta sul modulo 6322/web
- modulistica discussione prova finale (scaricabile nella sezione Modulistica);
- ricevuta della compilazione del questionario ALMALAUREA in base alle procedure descritte sulla pagina web: http://www.uniroma1.it/didattica/placement/almalaurea, debitamente firmata;
- fotocopia fronte/retro del diploma di maturità (originale da portare in visione);
- fotocopia di un documento valido;
- verbalini in originale (solo per esami sostenuti prima dell'avvio della verbalizzazione elettronica);
- attestazione in originale del tirocinio svolto (solo per i corsi di laurea ex DM 509/99 che prevedevano il tirocinio pre-laurea).

Ulteriori precisazioni sono disponibili nel file “Ulteriori istruzioni per la presentazione della modulistica di laurea” scaricabile dalla sezione Modulistica, che si raccomanda di leggere con attenzione.

N.B. Mentre l’avvio della procedura da parte dello studente in alcuni casi potrà avvenire anche con l’esito di alcune prove d’esame ancora in sospeso, la consegna della documentazione presso la Segreteria studenti dovrà avvenire solo dopo aver ottenuto esito positivo per tutti gli esami.

Prima di ammettere lo studente a sostenere l‘esame di laurea la segreteria studenti controlla l’intero percorso formativo per verificare che esso sia conforme all’ordinamento del Corso di laurea al quale lo studente è iscritto, anche in relazione al numero di crediti previsti. Lo studente che non risulti in regola non può essere ammesso in alcun caso all’esame di laurea.

Il laureando che non intenda più sostenere la prova finale nella sessione richiesta deve presentare disdetta scritta alla segreteria studenti via fax (06/49917971) e ricominciare l'iter della sola richiesta di esame di prova finale, effettuando nuovamente la procedura on line e ripresentando la documentazione nella sessione successiva (escluso il versamento della tassa di laurea e la presentazione dei gli eventuali verbalini d’esame già consegnati).

L’ESAME DI LAUREA E LA PROCLAMAZIONE DI LAUREA

L'esame consiste nella discussione dell'elaborato della prova finale che lo studente deve consegnare alla commissione su supporto magnetico (CD-Rom) corredato dai seguenti moduli: Dichiarazione del Docente Relatore Prova Finale e Dichiarazione contenuto CD.

Per ragioni organizzative e di recettività delle sedi l’esame di laurea di primo livello si svolge davanti a una Commissione in forma pubblica, cioè in luogo, data, orario e con modalità preannunciate e alla presenza di altri studenti, ma non è prevista la presenza di pubblico esterno (amici o familiari). La Commissione che svolge gli esami di prova finale ha il compito di verificare la coerenza degli elaborati con gli standard prescritti dalla facoltà e la loro correttezza formale (numero di pagine; ordine della stesura; voci bibliografiche riferite alla letteratura internazionale). La Commissione può respingere i candidati il cui elaborato risulti anche in parte copiato.

Durante l’esame, il candidato deve dimostrare di conoscere gli argomenti del suo elaborato e di saperli collegare alle tematiche caratterizzanti del suo corso di studi.

Il massimo del punteggio attribuibile alla prova finale, tenendo conto dell’elaborato e dell’esame orale, va da 4 a 6 punti, a seconda del numero di cfu della prova finale. Tale punteggio si aggiunge al voto base con cui lo studente si presenta alla prova finale calcolato come spiegato nella sezione “Calcolo della media e voto di laurea”.

La proclamazione della laurea si svolge con una breve cerimonia pubblica, subito dopo la conclusione di tutti gli esami di laurea, o in giorni successivi. Prima della cerimonia lo studente dovrà inviare all’indirizzo di posta elettronica che gli verrà indicato al momento della discussione una slide in power point che sarà proiettata al momento della proclamazione.

La cerimonia di laurea è un momento di festa per gli studenti e per le loro famiglie, ma è necessario che in occasione dei festeggiamenti che fanno seguito al conseguimento della laurea, i neo-laureati, i loro amici e i familiari mantengano un comportamento consono alla dignità e al decoro dell’istituzione universitaria, evitando danni e non arrecando disturbo ai colleghi che studiano o seguono le lezioni all’interno dell’edificio.

Lauree di secondo livello e V.O.

CARATTERISTICHE DELLA TESI DI LAUREA NEI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE (E SPECIALISTICA E V.O.)

Gli studenti dei corsi di laurea di secondo livello (Magistrali/Specialistiche/V.O.) devono elaborare una tesi di laurea il cui valore in crediti è indicato nel Manifesto vigente nell’anno di iscrizione dello studente al primo anno del corso. Si ricorda che a ogni credito corrispondono mediamente 25 ore di attività dello studente. La tesi viene discussa in un esame finale davanti a una commissione che, sentiti il relatore e il correlatore, valuterà la qualità del lavoro presentato dal candidato e l’esito della discussione.

La tesi consiste in uno scritto originale, conforme a caratteristiche di qualità scientifica, svolto in sostanziale, autonomia e può consistere in:
►una ricerca empirica che può riguardare sia dati raccolti direttamente dal candidato (da solo o in collaborazione con altri studenti) sia dati messi a disposizione dal docente; in ogni caso deve risultare specificato il contributo del candidato alla raccolta dei dati e agli altri aspetti del lavoro.
►una ricerca bibliografica che non si riduca a una semplice compilazione, ma usi come fonti articoli e capitoli di libri piuttosto che manuali o “fonti intermedie (Per “fonte intermedia” si intendono rassegne o saggi che già riassumono ricerche di altri; queste fonti, per quanto autorevoli, non possono costituire la maggioranza dei riferimenti)”.

L’argomento della tesi di laurea può riguardare qualunque settore scientifico-disciplinare, psicologico o non psicologico, purché previsto dal corso di studio cui lo studente è iscritto. Di norma la tesi viene svolta in un ambito disciplinare nel quale si è sostenuto almeno un esame nel corso del curricolo degli studi di secondo livello.

Se uno studente richiede la tesi in un settore nel quale non ha sostenuto alcun esame, o se per il lavoro di tesi fossero necessarie specifiche conoscenze preliminari, il relatore può richiedere al laureando di seguire preliminarmente un dato insegnamento e di superarne l’esame, anche in soprannumero rispetto agli esami previsti dal suo curriculo.

La stesura della tesi deve rispondere ai formati standard definiti e pubblicati da ciascun Corso di Laurea (Tipicamente una tesi è contenuta in un testo di non oltre i 100.000 caratteri, pari a circa 50 cartelle di 2000 battute ciascuna in carattere Times New Roman dimensione 12 interlinea 1,5. Si raccomanda di consultare le indicazione presenti nella pagina del sito “Indicazioni per la stesura delle Tesi”):
La tesi viene discussa dinanzi a una commissione composta da 7 a 14 membri di cui fanno parte i relatori e i co-relatori dei candidati.
Nella discussione il candidato deve dimostrare di padroneggiare criticamente l’argomento della sua tesi e di saperlo collegare alle conoscenze psicologiche proprie del suo curricolo.

Al termine delle discussioni la commissione attribuisce i voti in riferimento a criteri definiti dal Corso di Laurea Magistrale di afferenza e tenendo conto sia della discussione che dei giudizi del relatore e del correlatore sulla tesi.

La Commissione che valuta positivamente tesi e discussione dispone fino a un massimo di 8 punti, che si aggiungono al voto base. (vedi oltre Calcolo della Media, Voto di Laurea e Attribuzione della Lode)

RUOLO DEL RELATORE DI TESI DI LAUREA

Il relatore pone lo studente nelle condizioni migliori per svolgere la tesi magistrale; pertanto, (a) concorda l’argomento e il tipo di lavoro, tenendo conto delle capacità dello studente, (b) lo aiuta a impostare il lavoro, (c) controlla la stesura finale dell’elaborato, anche per evitare plagi, ferma restando la responsabilità dello studente riguardo al proprio lavoro.

Il relatore garantisce allo studente un numero congruo di incontri di supervisione, che possono avvenire anche in piccoli gruppi – fatto salvo il carattere individuale della stesura della tesi.

Gli incontri sono finalizzati a:
- individuare il tema e fornire le istruzioni per definire ipotesi e metodo dello studio;
- supervisionare i primi stadi di avanzamento (ad es. la raccolta dei dati per un lavoro empirico; o il reperimento e l’analisi di un numero adeguato di articoli per una ricerca bibliografica);
- supervisionare gli stadi ulteriori di avanzamento (ad es. l’elaborazione dei dati per un lavoro empirico; o dopo la lettura, la sintesi e la sistematizzazione degli articoli per una ricerca bibliografica) e l’impostazione del testo della tesi;
- valutare il testo completo e comunicare il giudizio allo studente.

Se la tesi prevede la partecipazione dello studente a uno studio empirico, il relatore garantisce la sicurezza e il rispetto della deontologia e delle norme etiche della ricerca.

ASSEGNAZIONE DELLA TESI

Per avviare la procedura lo studente si deve preliminarmente registrare nell’area STUDENTI del sito web dell’area Psicologia Pedagogia e Servizio Sociale della Facoltà.

Nello stesso sito web, i docenti della Facoltà indicano gli argomenti delle proprie ricerche e di possibile assegnazione di tesi entro l’area “note” del profilo nella propria area personale. I docenti che ricoprono insegnamenti per affidamento o contratto sono ammessi come relatori per il periodo di affidamento o contratto, pertanto gli studenti a cui essi abbiano assegnato una tesi dovranno concludere il lavoro al più tardi nella sessione successiva alla scadenza del contratto di insegnamento (tipicamente nella sessione di marzo destinata solo ai fuori corso).

Lo studente individua autonomamente tra i docenti un relatore disposto a supervisionarlo nell’elaborazione della tesi, tenendo conto delle informazioni riportate nelle pagine web di ciascun docente, nonché dei carichi di supervisione di prove finali e tesi assunti da ciascun docente e riportati nella banca dati (Il carico complessivo viene espresso in equivalenti di Tesi, attribuendo a ciascuna tesi un peso unitario e a ciascuna prova finale il peso di 0,25.).

Una volta concordato con lo studente tema, modalità e tempi di lavoro, il docente della facoltà relatore conferma l’assegnazione e registra il titolo della tesi nella Banca Dati, a cui accede mediante la propria area riservata del sito, trovandovi preregistrati i nominativi degli studenti laureandi.

L'assegnazione scade automaticamente dopo 12 mesi, può essere rinnovata (previa autorizzazione del docente) per altri 9 mesi e non può essere rinnovata oltre la seconda scadenza.

Il relatore ha il diritto di respingere in qualunque momento, chiedendone la cancellazione dalla banca tesi, lo studente che gli sottoponga materiali anche solo in parte copiati, da qualunque fonte.

La richiesta per svolgere all'estero le ricerche necessarie per la tesi può essere presentata già nel primo anno di corso del biennio magistrale.

Tesi con relatore esterno

Su proposta dello studente, il presidente del Corso di Laurea, può invitare docenti di altra Facoltà o Università a fungere da relatori. Non sono ammessi come relatori i docenti non di ruolo appartenenti ad altre Facoltà o Università, nonché i tutor e i collaboratori didattici, che potranno supervisionare il lavoro per la tesi in qualità di secondi relatori, essendo a ciò designati dal relatore.

Per chiedere al Presidente di corso di laurea di svolgere la tesi avendo come relatore un professore appartenente ad altra Facoltà della Sapienza o di altro Ateneo lo studente utilizza un apposito modulo che dovrà essere corredato da un’attestazione della disponibilità del docente esterno a fungere da relatore seguendo i criteri e gli standard della Facoltà (Qualora si avvalga di un relatore esterno lo studente avrà cura di informarlo su i requisiti previsti dalla facoltà per le tesi, i di valutazione e le scadenze. Nell’accettare l’invito del presidente del CdS il relatore esterno si impegna a partecipare alla seduta di laurea in cui il laureando discuterà la propria tesi).

Lo studente può proporre al proprio relatore di avvalersi di un secondo relatore (p.es. ricercatori di Enti esterni, o docenti non strutturati di altra facoltà)

Tesi d’ufficio

Qualora lo studente non riesca per tempo a individuare autonomamente un docente disposto a svolgere il ruolo di relatore, potrà chiedere l’assegnazione di un relatore d’ufficio compilando un apposito modulo, scaricabile nella sezione “Modulistica” da consegnare alla segreteria didattica.

Le richieste di tesi d'ufficio saranno vagliate nei tre periodi di assegnazione delle prove finali
- dopo il terzo appello estivo (di settembre);
- dopo l’appello invernale;
- dopo l’appello di primavera.

DOMANDE DI DISCUSSIONE DELLA TESI E DI AMMISSIONE ALL’ESAME DI LAUREA

Dopo aver concluso tutti gli esami, il laureando, sotto propria responsabilità, e indipendentemente dal grado di avanzamento del lavoro di tesi, presenta esclusivamente per via telematica domanda di discussione della tesi.

In particolare, si fa presente che:
1. per laurearsi a luglio gli esami devono essere conclusi entro il primo appello estivo (fine maggio – primi di giugno);
2. per laurearsi a dicembre gli esami devono essere conclusi entro l’appello autunnale (settembre).
3. per laurearsi a marzo gli esami devono essere conclusi entro l’appello invernale (dicembre – gennaio).

La presentazione e l'accoglimento della domanda non sono subordinati ad alcun giudizio del relatore sull'idoneità della tesi, la cui qualità è di esclusiva responsabilità dello studente. Sarà comunque necessario far firmare al docente relatore il modulo Dichiarazione del Docente Relatore Tesi e il modulo Dichiarazione contenuto CD che dovranno essere consegnati unitamente al Cd in seduta di laurea e non allegati alla documentazione da consegnare in segreteria.

Per presentare la domanda è necessario che il laureando acceda alla propria area riservata entro le scadenze previste nella sezione “Scadenze” del sito e si attenga alle seguenti istruzioni:
- Il laureando avvia la procedura, sotto propria responsabilità, autocertificando di aver superato tutti gli esami, (solo per la sessione di luglio, visti i pochi giorni a disposizione, il laureando potrà dichiarare se necessario di essere in attesa dei risultati degli ultimi esami sostenuti), quindi inserisce il titolo definitivo della tesi, concordato con il relatore;
- Alla conclusione della suddetta procedure sarà possibile stampare il modulo 6322/web in cui non è necessaria l’indicazione del nome del correlatore;
- Il nome del correlatore verrà comunicato successivamente al laureando e al relatore per via telematica

Infine, il laureando dovrà consegnare tutta la documentazione necessaria (scaricabile in qualsiasi momento nella sezione Modulistica di questa pagina), alla Segreteria Studenti in Via dello Scalo San Lorenzo 61/A nelle date stabilite per ogni sessione di laurea.

In sintesi, i documenti necessari da consegnare alla Segreteria studenti sono i seguenti (Ulteriori precisazioni sono disponibili nel file "Ulteriori istruzioni per la presentazione della modulistica di laurea" scaricabile dalla sezione Modulistica e da leggere con attenzione):

- domanda di laurea redatta sul modulo 6322/web
- modulistica discussione Tesi (scaricabile nella sezione Modulistica);
- ricevuta della compilazione del questionario ALMALAUREA in base alle procedure descritte sulla pagina web: http://www.uniroma1.it/didattica/placement/almalaurea, debitamente firmata;
- fotocopia fronte/retro del diploma di maturità (originale da portare in visione);
- fotocopia di un documento valido;
- verbalini in originale (solo per esami sostenuti prima dell'avvio della verbalizzazione elettronica);
- attestazione in originale del tirocinio svolto (solo per i corsi di laurea ex DM 509/99 che prevedevano il tirocinio pre-laurea)

N.B. Mentre in casi eccezionali l’avvio della procedura da parte dello studente potrà avvenire anche con l’esito di alcune prove d’esame ancora in sospeso, la consegna della documentazione presso la Segreteria studenti può avvenire solo dopo aver ottenuto un esito positivo in tutti gli esami previsti dal curriculum.

Prima di ammettere lo studente a sostenere l’esame di laurea la Segreteria Studenti controlla l’intero percorso formativo per verificare che esso sia conforme all’ordinamento del Corso di studio al quale lo studente è iscritto, anche in relazione al numero di crediti previsti. Lo studente che non risulta in regola non può essere ammesso in nessun caso alla discussione della tesi.

Il laureando che non intenda più sostenere la tesi nella sessione richiesta deve presentare disdetta scritta via fax (06/49917971) alla Segreteria Studenti. Dovrà poi ripetere l'iter della sola richiesta di discussione tesi, ripetendo la procedura on line e ripresentando la documentazione nella sessione successiva (escluso il versamento della tassa di laurea e gli eventuali verbalini d’esame già consegnati).

Anticipo seduta di laurea

Ai sensi della delibera del Senato Accademico del 22 novembre 2005 gli studenti possono laurearsi con l’anticipo di una sessione, a condizione che abbiano ottenuto espressa autorizzazione all’anticipo dei singoli esami dal Presidente del corso di studio e della prova finale/tesi dalla Facoltà. Inoltre, ai sensi della delibera del Senato Accademico del 15 dicembre 2009, gli studenti particolarmente meritevoli, che hanno ottenuto l’autorizzazione all’anticipo di esami di profitto e che hanno sostenuto gli stessi con una votazione media pari a 29/30, possono sostenere l’esame finale di laurea con un anno di anticipo.

Il facsimile per l’istanza di richiesta anticipo tesi è disponibile nella sezione Modulistica.

DISCUSSIONE DELLA TESI DI LAUREA

Ciascuna tesi viene esaminata e valutata dal relatore assegnato allo studente. Non essendo più il relatore a dare l’avvio alla domanda di tesi di laurea, lo studente dovrà comunque ottenere il parere favorevole del relatore alla discussione del suo lavoro. Se il relatore non darà parere favorevole, lo studente potrà comunque presentarsi alla discussione, purché consegni al relatore la tesi finita al più tardi 14 giorni prima della data fissata per il suo esame di laurea. Ovviamente in questo caso lo studente rinuncia a una valutazione anticipata del proprio lavoro da parte del correlatore, e può essere promosso o respinto all’esame di laurea, in relazione sia al giudizio sulla tesi (espresso in sede di laurea dal relatore o dal correlatore), sia alla discussione. Il mancato rispetto del termine per la consegna sopra indicato comporta la non ammissione all’esame di laurea.

Poiché oltre che dal relatore, la tesi viene esaminata e valutata anche da un correlatore, sarà quest’ultimo a stabilire in quale momento e in quale forma (cartacea, su supporto magnetico, via email…) desidera ricevere copia della tesi. il correlatore che non abbia ricevuto per tempo la tesi può chiedere l’esclusione dello studente dalla discussione di laurea.

Per l'assegnazione delle correlazioni da parte dei presidenti dei corsi di studio, sono stati concordati i seguenti principi generali:

1. L'assegnazione delle correlazioni, oltre alle informazioni presenti nella banca dati delle tesi nel sito dell'area P, farà riferimento a un indicatore di carico medio calcolato per ogni sessione sulla base del rapporto tra il numero dei docenti di area P e il numero dei laureandi prenotati alla sessione di laurea.
2. I correlatori saranno assegnati tenendo conto di tutto il corpo docente dell'area P e non solo dei docenti che insegnano nel corso di laurea, privilegiando quindi l'interesse e la competenza scientifico culturale piuttosto che l'afferenza al Consiglio di Corso di laurea o al dipartimento.
3. In caso di assegnazione di correlazioni al di fuori del proprio Corso di Laurea i docenti parteciperanno alla commissione come membro aggiunto.

Il giorno della discussione lo studente consegna alla commissione copia della tesi su supporto magnetico (CD-Rom) corredato dai seguenti moduli: Dichiarazione del Docente Relatore Tesi e Dichiarazione contenuto CD.

Informazioni generali

MEDIA, VOTO DI LAUREA E ATTRIBUZIONE DELLA LODE

La Commissione che valuta positivamente tesi e discussione dispone fino a massimo di 8 punti, che si aggiungono al voto base.

Il voto base con cui lo studente si presenta all’esame di laurea viene calcolato nel modo seguente:
- media aritmetica per gli immatricolati fino all’a.a. 2009/2010, calcolata sul numero degli esami previsti dal Manifesto dello studente escluse le idoneità.
- media ponderata per gli immatricolati a partire dall’a.a. 2010/2011, calcolata sulla somma dei voti riportati nei singoli esami, ponderata per il numero di crediti di ciascun esame e divisa per il numero degli esami sostenuti, escluse le idoneità.

N.B. Per gli studenti iscritti ai corsi di laurea ex dm 509/99 e V.O. tutti gli esami sostenuti in sovrannumero vengono conteggiati ai fini della media; al contrario, per gli studenti iscritti ai corsi di laurea dm 270/04, ulteriori esami eventualmente sostenuti in sovrannumero rispetto a quelli previsti dal manifesto, risultano certificati nella carriera dello studente, ma non sono conteggiati ai fini del calcolo della media. Le lodi non concorrono a determinare la media.

La media ottenuta, con due decimali e senza arrotondamenti, viene moltiplicata per 11 e divisa per 3; il valore ottenuto è il voto base al quale si può aggiungere il punteggio assegnato dalla commissione di laurea.

L’attribuzione della lode riconosce la particolare qualità della tesi presentata, indipendentemente dalla media e dal numero di lodi presenti nel curriculum. La lode viene attribuita solo se il punteggio d’esame sommato alla media è pari almeno a 110 e se tutta la commissione è concorde.

NB La proclamazione della laurea è un momento di festa per gli studenti e per le loro famiglie, ma è necessario che in occasione dei festeggiamenti che fanno seguito al conseguimento della laurea, i neo-laureati, i loro amici e i familiari mantengano un comportamento consono alla dignità e al decoro dell’istituzione universitaria, evitando danni e non arrecando disturbo ai colleghi che studiano o seguono le lezioni all’interno dell’edificio.

SESSIONI E SCADENZE

Sessione Marzo 2014 (per tutti i corsi di studio):

Esami completati entro il: 24 gennaio 2014
Inoltro della domanda on line e presentazione documentazione cartacea in segreteria studenti: dal 2 al 27 gennaio 2014
Assegnazione correlatori (solo per mag. spec.V.O): entro il 10 febbraio 2014
Sedute mag. spec.V.O.: 24 febbraio - 3 marzo 2014 Calendario dettagliato delle sedute Sedute esame finale triennali: 10-21 marzo 2014  Calendario dettagliato delle sedute
Proclamazioni dei laureati triennali: 2, 3, 4 aprile 2014

Sessione Luglio 2014 (per tutti i corsi di studio):

Esami completati entro il: 05 giugno 2014
Inoltro della domanda on line e prentazione documentazione cartacea in segreteria studenti: dal 15 maggio al 06 giugno 2014
Assegnazione correlatori (solo per mag. spec.V.O): entro il 20 giugno 2014
Sedute esame finale triennali: 7-11 luglio 2014  Calendario dettagliato delle sedute
Sedute mag. spec.V.O.: 14-23 luglio 2014 Calendario dettagliato delle sedute
Proclamazioni dei laureati triennali: 23, 24, 25 luglio 2014

Sessione Settembre 2014 - solo lauree triennali dm 509/99 e dm 270/04:

Esami completati entro il: 24 luglio 2014
Invio della domanda di discussione tesi e presentazione domande in segreteria studenti entro il: dal 1° al 25 luglio 2014
Sedute: 11-19 settembre 2014  Calendario dettagliato delle sedute
Proclamazioni dei laureati triennali: 4 e 11 ottobre 2014


Sessione straordinaria Ottobre 2014 - solo per studenti di lauree magistrali,specialistiche, V.O., che dovranno accedere ai corsi di dottorato:

Esami completati entro il: 24 luglio 2014
Inoltro della domanda on line e presentazione documentazione cartacea in segreteria studenti: dal 1° al 25 luglio 2014
Sedute: dal 1° al 20 ottobre da definire secondo le esigenze


Sessione Dicembre 2014
- solo lauree magistrali,specialistiche, V.O.:

Esami completati entro il: 16 settembre  2014
Inoltro della domanda on line e presentazione documentazione cartacea in segreteria studenti: dal 22 settembre al 17 ottobre 2014
Assegnazione correlatori: entro il 7 novembre 2014
Sedute: 1-12 dicembre 2014 Calendario dettagliato delle sedute


N.B. Per gli studenti delle lauree di secondo livello (magistrali, specialistiche e V.O.) che intendano laurearsi nella sessione di dicembre, gli ultimi appelli d’esame disponibili sono quelli del terzo appello estivo (settembre) e non sarà possibile organizzare ulteriori appelli sino alle sessione invernale.

CALENDARIO ESAMI DI PROVA FINALE E DISCUSSIONE TESI



SEDUTE DI LAUREA SETTEMBRE 2014

Calendario prove finali settembre 2014 (aggiornato al 5 settembre)